09/06/14

Un buon quarto posto per Davies e il Ducati Superbike Team oggi a Sepang

 Sepang (Malesia), domenica 8 giugno 2014 – una buona prestazione per Chaz Davies ed il Ducati Superbike Team nella prima gara di oggi sul circuito internazionale di Sepang in Malesia. Il pilota britannico ha tagliato il traguardo in quarta posizione ed ha poi concluso ottavo in gara 2. Giornata  difficile per Davide Giugliano, che ha chiuso le due manche all’ottavo e decimo posto.

Gara 1 – Anche la giornata odierna è stata condizionata dal meteo torrido (temperatura dell’aria 32°C, asfalto 52°C) e da livelli di umidità molto alti. Partendo dall’ottava posizione in griglia, Davies è stato in grado di guadagnare subito delle posizioni e transitare quarto nella prima fase di gara uno. Chaz ha lottato con Elias, riuscendo a sorpassarlo al sesto giro per poi conquistare la terza posizione. Negli ultimi giri però un calo di grip gli ha impedito di difendersi come avrebbe voluto ed è stato passato da Laverty. Infine ha battagliato con Elias fin sotto la bandiera a scacchi, riuscendo a tagliare il traguardo prima dello spagnolo, ottenendo così la quarta posizione finale.
Per Giugliano è stata una gara più difficile, già da ieri sera non si sentiva bene e si è svegliato questa mattina con una forte febbre. Una collisione fra vari piloti nella seconda curva ha causato la caduta di tre concorrenti, proprio davanti a Giugliano.  Il pilota italiano ha dovuto quasi fermarsi per evitare di cadere a sua volta, ed ha ripreso la gara in 14esima posizione. Spingendo forte per recuperare, Davide è riuscito a sorpassare alcuni piloti nei due giri seguenti, per poi trovarsi settimo al terzo giro. Battagliando con Haslam, Giugliano è riuscito a superare il pilota inglese al settimo passaggio, ma è stato ripassato qualche giro dopo. Il pilota italiano ha dato il massimo fino al traguardo ma, nell’ultima fase della corsa, quando il grip è calato ha dovuto accontentarsi dell’ ottavo posto finale.
Gara 2 – Le temperature sono ulteriormente cresciute nella seconda gara, con l’asfalto che ha raggiunto i 59°. I due piloti Ducati Superbike sono partiti abbastanza bene ed erano sesto (Giugliano) e ottavo (Davies) quando, al quarto giro, la direzione gara ha fermato la corsa con la bandiera rossa, a causa di olio sulla pista lasciato dalla rottura avuta da un altro concorrente. Un ‘quick restart’, e la gara, accorciata a soli 10 giri, è ripartita. Questa volta Davide si trovava ottavo dopo il primo giro, seguito da Chaz, decimo. Tutti e due i piloti sono riusciti a scavalcare Haslam nella prima fase della gara e verso la metà lottavano con Laverty. Purtroppo entrambi  hanno perso terreno negli ultimi giri, le alte temperature hanno anticipato il calo di grip visto in gara 1 ed i piloti del Ducati Superbike Team hanno dovuto rallentare il passo concludendo la gara in ottava (Davies) e decima (Giugliano) posizione finale.
 Dopo i primi 6 dei 14 round previsti, Davies si trova sesto nella classifica generale, con 130 punti, seguito da Giugliano, settimo, con 96 punti. Ducati è quarta nella classifica costruttori (158 punti).
Dichiarazioni dopo le gare di oggi:
Chaz Davies (Ducati Superbike Team #7) – 4°, 8°
“Le gare di oggi sono state difficili proprio come me le aspettavo. Il problema principale è stato una mancanza di grip sui lati esterni della gomma, un problema che coinvolge anche altri aspetti, come per esempio l’elettronica, che non funziona perfettamente quando il livello di grip è così basso. Il feeling è stato simile in entrambe le manche, forse un pochino meglio nella seconda, dopo che abbiamo apportato qualche modifica, ma dobbiamo continuare a lavorare per risolvere questo problema e per poter migliorare in accelerazione, in uscita dalle curve. Sono abbastanza soddisfatto del risultato di gara 1. Comunque, penso di aver fatto tutto quello che potevo oggi, e adesso ci concentriamo per le prossime gare.”
Davide Giugliano (Ducati Superbike Team #34) – 8°, 10°
“Mi dispiace un po’ per gara 1. Non è la prima volta che Baz fa una cosa del genere e questa volta alcuni dei piloti sono caduti ed io ho perso tante posizioni, evitando di cadere a mia volta. Ho cercato di accelerare il più possibile e sono riuscito a sorpassare parecchi piloti, ma ad un certo punto non avevo più grip. La seconda gara è andata piuttosto male. Siamo ripartiti bene ma dopo soli tre giri ho sofferto ancora per un calo di grip che non mi ha permesso di guidare come avrei voluto. Una giornata difficile ma posso dire che in queste condizioni, e considerando che per l’influenza ero molto debilitato fisicamente, finire le gare è già un buon risultato – ottavo  e decimo non sono posizioni che mi soddisfano, ma questa volta mi accontento.”
Ernesto Marinelli – Ducati Superbike Project Director
“Considerato che questo tracciato non ci era favorevole i risultati ottenuti non sono stati negativi. Chaz ha sfiorato il podio di poco in gara uno. Un vero peccato per Davide, perché la febbre e la debolezza creata dall’influenza sicuramente lo hanno debilitato molto in queste condizioni già di per se estreme. Solo la sua determinazione e l’aiuto della Clinica mobile gli hanno permesso di resistere in entrambe le manche. Il grip al posteriore, specialmente in gara 2, dove la temperatura è ulteriormente aumentata, è stato il nostro principale problema in questo weekend. Dobbiamo quindi capire dai dati accumulati, come migliorarci quando fa così caldo. Il lavoro quindi continua e ci prepareremo al meglio per le gare di Misano”.