03/06/14

GP d'Italia al Mugello: Dovizioso chiude al sesto posto, mentre Crutchlow cade al quarto giro.

 
 
Un sesto posto ed un ritiro sono stati i risultati dei due piloti del Ducati Team all’Autodromo del Mugello, dove oggi si è svolto il Gran Premio d’Italia, sesto appuntamento del Mondiale MotoGP 2014.
 
Andrea Dovizioso ha iniziato bene la sua gara, con una buona partenza dall’ottavo posto in griglia e alla fine del primo giro è passato sul traguardo in quarta posizione. Il pilota forlivese per alcuni giri è riuscito a stare nel gruppo dei primi, ma è poi stato superato da altri tre piloti ed è rimasto per quasi tutta la gara in settima posizione. Nel corso dell’ultimo giro Dovi ha però superato il  compagno di marca Andrea Iannone ed ha chiuso la gara in sesta posizione.
 
Il suo compagno di squadra Cal Crutchlow, partito dalla seconda fila, è stato invece costretto al ritiro dopo una scivolata al quarto giro. Il pilota di Coventry si trovava in ottava posizione quando ha perso l’avantreno ed è incappato in una caduta. La sua GP14 ha poi colpito la moto dell’incolpevole Bradl, causando il suo ritiro.
 
Il collaudatore del Ducati Test Team Michele Pirro ha invece chiuso all’undicesimo posto. Il pilota di San Giovanni Rotondo ha badato soprattutto a portare al traguardo la sua GP14 “laboratorio”. 
 
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 6°
“Credo di avere dato il mio massimo oggi in gara. Alla fine non siamo andati così male come gap dai primi: siamo riusciti a migliorare di tre secondi e mezzo rispetto all’anno scorso, e questo è un aspetto positivo. La gara del Mugello, come sempre, è stata molto dura ma è bella anche per questo. E’ stata una lotta davvero tosta quella con Pedrosa, Espargarò e Iannone. Mi ha aiutato molto la potenza che avevamo in rettilineo, e facevo delle grandi staccate alla San Donato. Alla fine abbiamo portato a casa il massimo che si poteva ottenere oggi.”
 
Cal Crutchlow (Ducati Team #35) – Ritirato
“Chiaramente sono molto deluso di aver fatto solo tre giri, soprattutto qui al Mugello, che è la gara di casa per la Ducati. Avevamo trovato un buon set-up nel warm-up del mattino che ci ha aiutato ad essere abbastanza competitivi nei primi giri in gara. Purtroppo ho spinto troppo in una delle varianti, perdendo l’anteriore. Dalla prossima gara, a Barcellona, dobbiamo cercare assolutamente di migliorare il mio feeling con la moto.”
 
Michele Pirro (Ducati Test Team #51) – 11°
“Sono riuscito a finire la gara e questo è importante perché a Jerez non c’ero riuscito e qui dovevamo raccogliere dei dati importanti su alcune soluzioni tecniche che avevamo montato sulla mia GP14. Per questo ho cercato di non fare errori e di finire la gara a tutti i costi. Sicuramente la decima posizione era alla mia portata ed anzi speravo di fare qualcosa di meglio. Un grazie alla squadra per il lavoro fatto e spero che a Barcellona, fra due settimane, riuscirò ad ottenere un risultato migliore.”
 
Luigi Dall’Igna (Direttore Generale Ducati Corse)
“Ovviamente i risultati di oggi sono stati al di sotto delle nostre aspettative, soprattutto su questo circuito che è un po’ la pista di casa per la Ducati. Purtroppo Cal ha perso l’avantreno nei primi giri, mentre Andrea ha dato il massimo ma non è riuscito a lottare per le posizioni che avrebbe voluto. Dobbiamo avere pazienza: sappiamo di dovere ancora migliorare molto, ma lavoreremo sodo e siamo fiduciosi per il futuro.”